aaaaaaaaaa
552
page-template-default,page,page-id-552,bridge-core-2.6.5,qode-page-transition-enabled,ajax_updown,page_not_loaded,,qode_grid_1200,vss_responsive_adv,vss_width_768,qode-theme-ver-29.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_advanced_footer_responsive_1000,wpb-js-composer js-comp-ver-6.5.0,vc_responsive,elementor-default,elementor-kit-6,elementor-page elementor-page-552

aaaaaaaaaa

La mano di Gina Pórtera

Gina Pórtera è una artista spagnola nata a Barcellona nel 1963, figlia di padre italiano e madre catalana.

Naque nel seno di una famiglia in cui li fu possibile approfondire le tematiche che attiravano la sua attenzione ed è così che dall’età di sei anni iniziò a ricevere formazione artistica nel disegno e nella pittura. Ebbe la fortuna di vivere in una famiglia dove l’arte e la cultura facevano parte della loro vita.

Poco dopo, da adolescente, il suo interesse si allargo al mondo della musica e studiò flauto dolce e chitarra classica. Li affascinava la biología, ma era qualcosa di più profondo, era più legato alla contemplazione della magia della vita che al interesse nel sezionare quella realtà per comprenderla.

Tra il 1982 e il 1985 frequento studi superiori de Design nella Scuola Elisava di Barcellona e si laureò in Belle Arti nel anno 1991 nella Universitè di Barcellona con la specialità di Pittura.
Il percorso espositivo di Gina Pórtera inizia nel anno 1990.

Il suo più profondo interesse è far arrivare alle persone la sua visione della vita e della belleza.

Essendo figlia di padre italiano, farà che con il pasarse del tempo decida trasferirsi in Sardegna nel anno 2021 per avere una esperienza di vita più collegata con il reale.

Da questo fatto l’opera dell’ artista si riempirà di elementi naturali, animali, piante, fiori, e a giorno d’oggi spunta l’interesse per temi di architettura in modo tale che la sua opera si ricollega con l’influenza dei pittori metafisici italiani che già nei suoi primi passi lasciarono una influenza palese nel suo esprimersi.

Volendo trasmettere la gioia di vivere, prende importanza nell’opera di Gina Pórtera l’influenza del artista David Hockney, attraverso il suo vibrante uso del colore permetterá all’ osservatore vivere un’esperienza emotiva e soggettiva ammirando le sue opere.